in

Migliori TV 4K 50 pollici

Le migliori TV LED 4K da 50 pollici per rapporto qualità/prezzo, oltre alla classifica e le recensioni trovi anche il confronto prezzi e come scegliere un televisore 4K da 50 pollici.

Classifica migliori TV 4K 50 pollici

Samsung UE50AU7170UXZT

test Samsung UE50AU7170UXZT

Pro

  • Favorevole rapporto qualità prezzo
  • Design sottile
  • Immagini molto realistiche
  • Supporta sia Google Assistant che Alexa

Contro

  • Telecomando poco intuitivo
  • Difficoltà nel leggere alcuni formati video tramite USB
  • Non ha l’uscita audio analogica

Recensione

Samsung UE50AU7170UXZT è una TV LED da 50 pollici equipaggiata con il processore grafico Crystal 4K, in grado di gestire con efficacia contenuti con risoluzione massima di 3840 x 2160 pixel. Il pannello presenta uno spessore piuttosto sottile, il che assicura una buona resa estetica sia sfruttando l’appoggio sui piedini che l’attacco VESA 200 x 200 per il montaggio a parete.

Tra i punti di forza di questo modello annovero la visione molto nitida con colori vivaci ma sempre naturali e la percezione anche dei minimi dettagli. Passando alla qualità audio, i due altoparlanti da 20 W non hanno potenza e caratteristiche tecniche tali da creare una scena sonora coinvolgente.

Comunque, rispetto a prodotti concorrenti di pari fascia di prezzo, non sono costretto a collegare una soundbar per godere di un audio accettabile. Da sottolineare la tecnologia Q-Symphony che permette ai diffusori della TV di funzionare all’unisono con l’eventuale soundbar (modello Samsung compatibile), creando un avvolgente effetto surround virtuale.

La sezione smart è caratterizzata dal sistema operativo Tizen, un’interfaccia grafica molto semplice, le più importanti piattaforme di streaming già installate, il supporto all’app SmartThings e la compatibilità con Google Assistant e Alexa. Inoltre, con smartphone o tablet Samsung Galaxy dotati di sistema operativo Android 8.1 o superiore, posso utilizzare la funzione Tap View. Ciò significa che mi basta appoggiare il dispositivo mobile alla TV per effettuare la connessione immediata e visualizzare video e immagini.

Samsung UE50AU7170UXZT è uno tra i prodotti migliori nella propria fascia di prezzo. Un apparecchio completo sotto tutti i punti di vista e in grado di adattarsi alla maggior parte delle esigenze. Gli unici aspetti negativi riscontrati nel corso della prova riguardano la mancanza dell’uscita audio analogica da 3,5 mm, qualche difficoltà nel leggere file AVI e MPEG memorizzati su chiavetta USB e il telecomando poco intuitivo. In realtà, il controller remoto viene apprezzato da molti utenti già avvezzi nell’uso di TV di ultima generazione, mentre l’insolito layout dei tasti e i pochi pulsanti creano problemi soprattutto a persone anziane.

LG 50UP75006LF

test LG 50UP75006LF

Pro

  • Buona qualità delle immagini
  • Utilizzo molto intuitivo
  • Compatibile con Google Home, Amazon Alexa, Apple Airplay2 e Apple HomeKit

Contro

  • Non ha l’uscita cuffie analogica
  • Non è possibile registrare video tramite USB
  • Difficoltà di associazione con Amazon Alexa
  • Telecomando senza retroilluminazione

Recensione

LG 50UP75006LF è una TV a LED con pannello da 50 pollici in grado di gestire contenuti con massima risoluzione UHD 4K. Il design presenta le consuete caratteristiche ovvero cornice piuttosto sottile, piedini poco appariscenti e spessore contenuto per consentire l’installazione a parete con una buona resa estetica.

Secondo la mia opinione, il principale aspetto positivo è l’elevata qualità delle immagini in rapporto al prezzo. L’efficace sistema di retroilluminazione dello schermo, il processore Quad Core e il supporto agli standard video HDR, HDR10 Pro e HLG assicurano colori molto vividi e alti livelli di contrasto. L’immagine appare nitida da qualsiasi angolazione e mantiene un’apprezzabile fluidità anche durante le scene più veloci.

Il suono non è al medesimo livello della qualità video. Tuttavia, se non abbiamo particolari esigenze, possiamo evitare l’installazione di una soundbar. Il sistema audio è composto da due diffusori da 10 W ciascuno, integra la codifica Dolby Digital ma non il formato Dolby Atmos.

Sottolineo l’opportunità di impiegare la tecnologia Bluetooth Surround Ready, vale a dire la predisposizione per il collegamento di casse wireless compatibili. Se vogliamo ascoltare la TV tramite cuffie, è bene disporre di un modello bluetooth vista la mancanza di un’uscita analogia. Altre due piccole pecche sono l’impossibilità di registrare video tramite USB e il telecomando senza tasti retroilluminati.

Passando alle funzioni smart, questo prodotto impiega il collaudato sistema operativo WebOS 6.0. Ciò significa beneficiare di un’interfaccia intuitiva, accedere rapidamente al web e visionare contenuti in streaming sfruttando le numerose piattaforme già preinstallate (Netflix, Prime video, YouTube, DAZN, Disney +, ecc).

Evidenzio anche la compatibilità con Apple Airplay2 e Apple HomeKit, così da poter scaricare video e musica da iPad e iPhone direttamente sulla TV e controllare l’apparecchio tramite i comandi vocali di Siri. Posso anche interagire attraverso l’assistente di Google e Amazon Alexa. In tal senso, con gli ultimi aggiornamenti software dovrebbero essere stati risolti la maggior parte dei problemi. Ho riscontrato solo qualche difficoltà nella procedura di associazione con Alexa.

LG 50UP75006LF è una scelta che consiglio a chi sta cercando una TV LED da 50 pollici facile da utilizzare, pur non avendo esperienza con apparecchi smart di ultima generazione. Con una spesa contenuta possiamo goderci film, documentari ed eventi sportivi in 4K, nonché sfruttare un’efficace tecnologia di upscaling per una soddisfacente visione anche di contenuti in bassa risoluzione. I punti deboli emersi nel corso della prova non compromettono più di tanto praticità e prestazioni.

Sharp 50BL2EA

test Sharp 50BL2EA

Pro

  • Buona qualità sia di immagini che suono
  • Uscita audio per jack da 3,5 mm
  • Accetta comandi vocali tramite Google Assistant

Contro

  • Spessore elevato
  • Sistema operativo Android non sempre fluido
  • Poca memoria interna
  • Non è supportata la registrazione tramite USB

Recensione

Sharp 50BL2EA è una TV LED da 50 pollici caratterizzata dalla consueta linea pulita ed essenziale. Collocando l’apparecchio sopra l’apposito mobile riesco a sfruttare l’altezza dei piedini per posizionare un’eventuale soundbar. In alternativa, l’attacco VESA 200×200 permette l’installazione a parete. Tuttavia, in questo caso lo spessore piuttosto elevato offre una resa estetica non delle migliori.

La qualità delle immagini risulta in linea con ciò che mi aspetto da un pannello 4K appartenente ad una fascia di prezzo medio / bassa. Ciò significa beneficiare di colori vividi, adeguati livelli di contrasto e una buona fluidità durante scene veloci. Efficace la tecnologia di upscaling che mantiene la visione soddisfacente anche di contenuti a bassa risoluzione.

Mi ha sorpreso in positivo il sistema audio che, nonostante i 20 W di potenza, impiega una coppia di diffusori Harman Kardon di notevoli prestazioni. Lo speaker fullrange e il tweeter riescono a riprodurre medie e alte frequenze in modo nitido e preciso, con inevitabile carenza sui bassi. Utile l’equalizzatore con cui posso personalizzare il suono in base alle mie preferenze.

Decisamente completa la dotazione di connessioni che prevede 4 porte HDMI 2.0 per collegare diversi dispositivi, 2 USB (non è possibile registrare programmi), una micro USB e anche l’uscita audio analogica da 3,5 mm per le cuffie. Inoltre, è stato inserito un comodo slot per riprodurre contenuti memorizzati su schede Micro SD e la presa ethernet per connettersi al router di casa tramite cavo anziché Wi-Fi. Presente anche la connessione bluetooth per associare apparecchi elettronici wireless.

Le funzioni smart sono affidate al sistema operativo Android 9.0 che, secondo la mia opinione, offre qualche problematica di troppo. Mi riferisco non tanto all’utilizzo che rimane intuitivo, quanto alla poca fluidità nella navigazione tra i menu e sporadici riavvii per il blocco della schermata. Per il resto posso sfruttare un buon numero di piattaforme di streaming già installate, scaricare nuove app dallo store online e impartire comandi vocali tramite Google Assistant. Infine, grazie all’integrazione di Chromecast riesco a trasmettere video e molto altro alla TV da smartphone, tablet o laptop.

Sharp 50BL2EA è una TV LED da 50 pollici dal favorevole rapporto qualità prezzo. Un acquisto che, in generale, non delude le aspettative di chi desidera gustarsi film e altri contenuti in 4K. Prevedendo un impiego principalmente con piattaforme di streaming e via web, suggerisco di valutare modelli con maggior capacità di memoria interna e sistemi operativi più reattivi.

Panasonic TX-50JX600E

test Panasonic TX-50JX600E

Pro

  • Immagini realistiche
  • Colori molto vividi
  • Porte HDMI in versione 2.1
  • Supporta Amazon Alexa e Google Assistant

Contro

  • Bassa qualità audio
  • Non dispone di connessione bluetooth
  • Poche app di streaming preinstallate
  • Incompatibile con Apple Airplay2 e Apple HomeKit

Recensione

Panasonic TX-50JX600E è una TV LED 4K con diagonale da 50 pollici e caratterizzata da una cornice abbastanza sottile e un piedistallo centrale lungo 48 centimetri. Tale scelta crea qualche difficoltà qualora decidessimo di posizionare una soundbar disponendo di un mobile piuttosto stretto. Per aggirare il problema possiamo sfruttare l’attacco VESA 200×200 e fissare l’apparecchio alla parete, così da liberare spazio sul piano.

Questo modello non è dotato di particolari tecnologie e di un avanzato processore grafico di ultima generazione, comunque assicura la compatibilità agli standard Dolby Vision, HDR10 e HLG. Ciò significa che colore e luminosità vengono regolati in modo dinamico per rendere l’esperienza visiva più immersiva.

Le immagini risultano realistiche grazie ad una gamma cromatica ben bilanciata e alti livelli di contrasto. Posso anche impostare diverse modalità di visualizzazione (Naturale, Dinamico, Cinema, Sport e Gioco) in base al tipo di contenuto. Da sottolineare la dotazione di porte HDMI versione 2.1, ovvero con larghezza di banda pari a 48 Gbps.

A parer mio, un punto debole di questo modello è la sezione audio. La coppia di altoparlanti da 10 W ciascuno riproduce un suono di bassa potenza e poco dettagliato. Per una scena sonora coinvolgente durante la visione di film o sessioni di gaming, è d’obbligo l’acquisto di una soundbar di buona qualità. Anche le diverse modalità audio disponibili e il supporto allo standard Dolby Atmos non migliorano più di tanto la resa sonora.

Passando alle funzionalità smart, le ho trovate sufficienti per soddisfare la maggior parte delle esigenze. L’interfaccia utente è intuitiva, mentre il sistema operativo Linux risulta fluido durante la navigazione e reattivo in risposta ai comandi. L’unico limite solo le poche piattaforme di streaming già installate (Amazon Prime Video, Netflix, Twitch e YouTube). Comodo il supporto dell’assistente vocale di Google e di Amazon Alexa.

In conclusione, Panasonic TX-50JX600E è una buona TV LED da 50 pollici che possiamo trovare a prezzi molto competitivi. Tuttavia, prima dell’acquisto è bene considerare alcuni aspetti negativi. Oltre alla bassa resa audio e alle poche app installate, manca la connessione bluetooth e non è possibile effettuare registrazioni tramite USB. Inoltre, i possessori di dispositivi Apple non sono in grado di interagire direttamente con la TV per la mancanza di compatibilità con Airplay2 e HomeKit.

Philips 50PUS7906

test Philips 50PUS7906

Pro

  • Buona qualità delle immagini
  • Illuminazione LED Ambilight
  • Uscita cuffie da 3,5 millimetri

Contro

  • Audio poco potente
  • Sistema operativo lento e macchinoso
  • Bassa capacità di memoria
  • Non compatibile con Amazon Alexa
  • Telecomando senza microfono

Recensione

Philips 50PUS7906 è una TV con pannello da 50 pollici e adatta per riprodurre contenuti con risoluzione massima 4K. Questo modello adotta il noto sistema Ambilight, vale a dire strisce LED RGB inserite dietro l’apparecchio lungo la cornice superiore e ai lati.

Durante il funzionamento, la luce viene riflessa sulla parete per produrre diversi effetti. Impostando la modalità Comfort evito di appesantire la vista durante la visione al buio, mentre scegliendo la modalità Video l’intensità e la cromia dell’illuminazione vengono sincronizzate con le immagini sullo schermo. Ci sono poi altre modalità tra cui Gaming per ottenere effetti con colori più vividi. Ricordo che il sistema Ambilight può essere integrato con le luci intelligenti Philips Hue.

Nonostante l’assenza di particolari tecnologie e di un processore grafico di ultima generazione, le immagini risultano nitide, con colori brillanti e realistici. La TV supporta i principali formati HDR (incluso Dolby Vision) e assicura tempi di latenza abbastanza bassi per mantenere una buona fluidità durante scene veloci e sessioni di gaming.

L’impianto audio presenta i soliti limiti che, oramai, caratterizzano la maggior parte dei modelli appartenenti a fascia di prezzo medio / bassa. In tal senso, i due altoparlanti full range da 10 W ciascuno offrono un suono poco potente e dettagliato. Se il parlato è abbastanza chiaro, il vero punto debole sono i bassi molto piatti.

La disponibilità di un equalizzatore a 5 bande mi permette di personalizzare l’uscita audio. Se desidero collegare un paio di cuffie, posso scegliere tra connessione wireless bluetooth 5.0 o l’uscita analogica da 3,5 mm che si trova sempre più raramente.

La sezione smart, secondo la mia opinione, risulta parecchio deludente. Il principale problema è la lentezza del sistema operativo Android sia durante la navigazione tra i menu che per effettuare i comandi. Una situazione già di per sé frustrante, a cui si aggiungono saltuari blocchi della schermata che costringono a riavviare la TV.

Altro aspetto negativo è la limitata capacità di memoria interna pari a soli 8 GB, il che impedisce di scaricare altre applicazioni oltre le 5 già preinstallate (Amazon Prime Video, BBC iPlayer, Disney+, Netflix e Youtube). Infine, evidenzio l’incompatibilità con Amazon Alexa (i comandi vocali funzionano solo con Google Assistant) e il telecomando senza microfono integrato.

Per concludere, Philips 50PUS7906 è un valido acquisto per chi desidera una TV da 50 pollici per gustarsi contenuti in 4K, beneficiando di una soddisfacente qualità delle immagini e senza spendere cifre esagerate. Dobbiamo, comunque, mettere in conto l’installazione di una soundbar per portare l’audio all’altezza delle prestazioni video. Invece, non la ritengo una scelta consigliata qualora stiamo cercando una smart TV, alla luce di un software lento, macchinoso e poco intuitivo.

Come scegliere una TV 4K 50 pollici

classifica Tv 4k led 55 pollici

Dovendo acquistare una nuova TV a LED, di fronte a sigle come full HD, ultra HD, 4K, 8K spesso si finisce con l’andare in confusione non sapendo esattamente cosa scegliere e rischiando di acquistare un modello già obsoleto. Gli apparecchi di ultima generazione hanno una risoluzione 4K ma serve fare comunque attenzione nel valutare alcune caratteristiche. Vediamo nel dettaglio quali sono gli aspetti più importanti.

Dvb-T2 e codec hevc

Forse non tutti sono a conoscenza che in Italia a partire dal 2022 tutti i programmi 4K e full HD saranno codificati con un sistema di compressione hevc (chiamato in gergo H.265). Altro fatto da non dimenticare è che verranno trasmetti con la versione dvb-t2 del digitale terrestre.

Quest’ultimo aspetto non è un grosso problema, visto che i migliori modelli di TV 4K a led attualmente in commercio montano già una versione moderna; oltretutto è facile controllare sulla scheda tecnica l’effettiva presenza del dvb-t2.

Non è invece così per il codec hevc che non viene sempre riportato tra i dati tecnici della TV. Acquistare un modello che non supporta tale sistema di compressione video, al momento attuale non comporta alcun problema.

Tuttavia, a partire dal 2022, potrebbe significare dover cambiare apparecchio per vedere programmi in 4K. La questione è ancora più spinosa in quanto il codec hevc di ultima generazione deve essere a 10 bit mentre in commercio è facile trovare TV economiche che adottano una versione obsoleta a 8 bit.

Quindi quando si decide di acquistare un modello a led 4K è fondamentale accertare che supporti il codec hvec H.265 a 10 bit: è garanzia di avere un apparecchio all’avanguardia che si potrà utilizzare per i prossimi anni senza alcun problema.

Risoluzione

Una TV 4K  è in grado di gestire una risoluzione massima di 4096 x 2160 pixel. È necessario sapere che attualmente le trasmissioni in 4K sono ancora poche, alcune pay-tv e altri canali satellitari sperimentali propongono programmi in chiaro con tale risoluzione. Guardare un contenuto in full HD con un apparecchio 4K non offre il massimo della qualità: si deve generare un’immagine di 2 milioni di pixel su uno schermo che ne può contenere 8 milioni.

Per queste risoluzioni, non è sbagliato utilizzare modelli con diagonale inferiore, come ad esempio le smart tv 32 pollici che riproducono nativamente il segnale FullHD. Il software dovrà aggiungere quelli mancanti ottenendo un’immagine con livelli di dettaglio non ottimali. Qual è il motivo per acquistare una TV 4K?

Semplicemente perché rappresenta lo standard del prossimo immediato futuro. Se siete degli amanti del film e avete un lettore blueray 4K potrete godere di una qualità video straordinaria. Anche per i gamer più appassionati sono disponibili sempre più giochi per console che sfruttano questa risoluzione.

Dimensioni

Una caratteristica fondamentale nella scelta di qualsiasi TV a led è la grandezza dello schermo. Questo dato è legato alle dimensioni dell’ambiente e alla distanza tra l’utilizzatore e l’apparecchio.

Un vantaggio offerto da una TV 4K è la possibilità di guardarla da vicino senza perdere qualità nell’immagine. Un modello da 40 pollici si può tranquillamente osservare stando a circa un metro. Naturalmente aumentando le dimensioni dovrà anche crescere la distanza. Una TV da 65 pollici si osserva da 2 metri pur mantenendo una sorprendete qualità.

Sistema HFR

Le migliori TV 4K sono dotate del così detto high frame rate con video che possono raggiungere la frequenza di 48 fps contro i 25 fps delle TV tradizionali. Non bisogna farsi ingannare da livelli di hfr troppo elevati proposti da modelli ultra hd e full hd perché sono frutto di artifici digitali.

Tecnologia HDR

I migliori modelli sono tutti dotati del sistema higt dynamic range che garantisce la riproduzione di immagini molto più fedeli all’originale. Grazie a questa tecnologia si riescono a creare visioni con un numero di sfumature di colori nettamente superiori rispetto a modelli non equipaggiati da questo sistema.

Le TV top di gamma supportato il formato Hdr10+ che rappresenta l’ultima versione. In alcuni casi c’è anche la presenza di altri standard concorrenti come Dolby Vision e Hlg (Hybrid log Gamma). Verificarne la presenza non è affatto difficile visto che sono sempre sigle riportate tra i dati tecnici.

Estetica

Come ultimo punto, per la scelta di una TV 4K con pannello a led, abbiamo lasciato l’estetica. La maggior parte dei costruttori propone modelli dal design ricercato, spessori sempre più sottili e basi di appoggio dalle linee molto eleganti. Una TV 4K è a tutti gli effetti un oggetto d’arredo che fissata alla parete può essere trasformata in un vero e proprio quadro dalle immagini in movimento.

A questo si possono aggiungere funzioni particolari che creano giochi di luce nella parte posteriore, o addirittura immagini statiche quando la TV è spenta, per arredare con effetti ottici sorprendenti.

Audio

Seppur caratterizzate da comparti audio sofisticati, le TV 4K moderne non riescono a raggiungere livelli di potenza e qualità audio all’altezza della straordinaria qualità video messa in campo. Il motivo risiede principalmente nelle scelte estetiche dei produttori, che abbiamo trattato qualche riga fa.

I modelli diventano sempre più sottili, e le cornici si assottigliano al punto di non lasciare molto spazio per alloggiare diffusori audio più performanti. È risaputo infatti, che per ottenere una buona risposta soprattutto sulle frequenze medio-basse, c’è bisogno di spazio per ospitare coni e casse di dimensioni generose.

Se si è appassionati di cinema, o se si desidera godere al meglio degli eventi sportivi preferiti, queste caratteristiche rappresentano una seria limitazione. Per ovviare al problema, il consiglio è di valutare l’acquisto di un buon impianto Home Theatre che permette di riprodurre una scena sonora coinvolgente e all’altezza della qualità video. Se poi non si dispone di molto spazio in salotto, una valida alternativa è sicuramente la soundbar per TV.

A tal proposito è utile sapere che ne esistono modelli anche con sub woofer in grado di raggiungere prestazioni sonore di tutto rispetto, senza dover riempire la sala di casse e amplificatori.

Domande frequenti

Classifiche