TV LED o OLED?

di Andrea Pilotti 22 Marzo 2019

TV LED o OLED? Leggi la guida per conoscerne differenze, pro e contro, e capire quale scegliere.

televisori LED o OLED

Differenze tra TV a LED e OLED

Se le sigle possono far pensare a due prodotti simili, in realtà il principio di funzionamento di tecnologie LED o OLED è completamente diverso.

Un pannello a LED altro non è che uno schermo a cristalli liquidi che genera l’immagine grazie ad una retroilluminazione prodotta da una serie di diodi ad emissione di luce.

In una TV OLED, invece, non esiste nessun fascio luminoso posteriore, in quanto è lo stesso pannello ad emettere luce. Oltre a sostanziali differenze costruttive, ci sono anche diversità in termini di consumi energetici decisamente più bassi in un display OLED, in grado di offrire anche schermi molto sottili.

Per ciò che riguarda la qualità delle immagini, non si può dire con assoluta certezza che una tecnologia sia migliore dell’altra.

Come funziona una TV a LED

Le TV a LED altro non sono che un’evoluzione dei modelli LCD. Per generare un’immagine è necessaria una fonte luminosa esterna al pannello di cristalli liquidi, ovvero la retroilluminazione.

In pratica un fascio di luce posteriore colpisce il display attraversandolo prima di essere visto dall’osservatore. Ogni pixel è generato da un singolo cristallo liquido che funziona come una specie di interruttore facendo o meno passare la luce e dando così vita all’immagine.

Mentre in una TV LCD è una lampada a creare il fascio luminoso, in uno schermo a LED sono una serie di strisce o griglie di diodi ad emissione di luce.

Migliori tv Led 4k

Come funziona una TV OLED

La tecnologia OLED in realtà non è una scoperta recente ma risale al lontano 1980; ha però trovato largo utilizzo solo negli ultimi anni grazie al perfezionamento dei processi costruttivi, permettendo di ottenere prodotti con prezzi via via più accessibili.

Come abbiamo già accennato, un display OLED non utilizza un sistema di retroilluminazione ma bensì emette luce propria. L’acronimo significa Organic Light Emitting Diode, ovvero diodo organico ad emissione di luce.

Un pannello di questa tipologia è costituito da un sottile film di materiale organico posato su un substrato di vetro o plastica, a sua volta inserito tra altri due strati definiti di trasporto. Quest’ultimi costituiscono il catodo e l’anodo a cui è applicata una tensione.

La carica elettrica ecciterà la materia organica che inizierà ad emettere luce. Anche in questo caso ogni pixel è generato da una singola unità che si illuminerà o rimarrà spenta a seconda se eccitata elettricamente.

Migliori tv oled

Pro e contro di TV LED e OLED

Per poter scegliere una delle due tipologie, è bene conoscere quali siano i principali pregi e difetti che le contraddistinguono. È sufficiente fare un raffronto prendendo come riferimento le caratteristiche tecniche più significative.

Contrasto

Un fattore che indice in maniera determinante sulla qualità delle immagini è il livello di contrasto. È ciò che permette di separare le zone chiare da quelle scure e di ottenere una visione con neri più profondi.

Da questo punto di vista le TV OLED offrono sicuri vantaggi. Ogni singolo pixel si illumina da solo e quando si spegne genera un punto scuro sullo schermo che è realmente nero.

Ciò non accade per le TV a LED a causa della retroilluminazione che crea neri con minor profondità e non omogenei su tutto lo schermo.

Per ovviare a questo problema, alcuni modelli presentano una funzione chiamata Local Dimming che cerca di oscurare solo le zone nere del display. Il risultato è senza dubbio migliore ma rimane sempre non perfetto a causa di oggetti luminosi che, emanando comunque molta luce, inevitabilmente intaccano la profondità del nero. Il miglior rapporto di contrasto è senza dubbio un punto a favore delle TV OLED.

Luminosità

Accanto al contrasto, l’altro fattore di una certa importanza è la luminosità. In questo caso il confronto viene vinto nettamente dalle TV a LED che consentono di avere migliori livelli di luminosità.

Il divario si è accentuato con la nascita e lo sviluppo della tecnologia Qled (a punti quantici) che offre pannelli ancor più luminosi. Il problema per i modelli OLED è che, aumentando al massimo questo parametro, il pannello si consuma molto più velocemente riducendo drasticamente la sua durata.

Quindi se l’ambiente di visione è sempre molto illuminato o la TV è esposta alla luce del sole, un modello a LED è senza dubbio la scelta migliore.

Immagini ad alta velocità

Quando si osservano le scene veloci di un film è facile notare delle leggere sfocature. L’effetto prende il nome di Motion Blur che è presente in entrambe le tecnologie.

Una TV a LED ha difficoltà a gestire immagini ad alta velocità per via dell’inerzia dei pixel che impiegano diversi millisecondi per cambiare il loro stato, causando la formazione di una specie di scia.

È un problema che non presentano le TV OLED, in quanto ogni frame viene visualizzato fino a che non si passa al successivo. Tuttavia, la percezione della sfocatura rimane per il fatto che, mentre le immagini sono statiche, i nostri occhi non lo sono e avvertono l’effetto Motion Blur anche se non viene generato. In definita da questo punto di vista TV LED e OLED si equivalgono.

Angolo di visione

La migliore visione si ottiene guardando la TV in posizione perfettamente centrale, mentre variando l’angolazione i colori si fanno più sbiaditi.

In uno schermo a LED se l’angolo sale sopra i 20 gradi fa diminuire del 50% il contrasto. Cosa che non avviene nelle TV OLED che mantengono una buona qualità delle immagini anche con elevate angolazioni.

Qualità dei colori

Dire quale tecnologia offra la miglior qualità dei colori non è semplice. Molto dipende dalle condizioni ambientali dov’è posizionata la TV. Considerando una situazione con una luminosità ambientale ideale, un pannello OLED assicura dei colori più accurati e brillanti.

Image Retention

È un effetto che riguarda solo le TV OLED; si verifica quando sullo schermo rimane un’immagine statica per alcuni minuti. Per fare un esempio: visualizzando un filmato su Youtube o canali simili, spesso è presente un logo che rimane fisso per tutta la durata del video.

Successivamente spegnendo l’apparecchio o cambiando programma, si potrebbe notare una sfocature con i contorni del logo, come se il televisore “ricordasse” la forma dell’elemento grafico. Non è un problema particolarmente grave e che si presenta con molta frequenza, ma può essere scongiurato scegliendo una TV a LED.

Prezzo

Qualche anno fa la scelta era spesso condizionata dal prezzo che, per le TV OLED, era decisamente alto. Oggi i costi sono scesi diventando molto più accessibili. Tuttavia, gli schermi a LED rimangono la soluzione  più economica. A questo si aggiunge anche un più ampio numero di modelli a disposizione con la possibilità di trovare sempre qualche interessante promozione.

TV a LED o OLED: quale scegliere?

Come spesso accade è impossibile affermare che una tecnologia sia nettamente migliore di un’altra. In questo caso la decisione dipende molto dalle proprie necessità e dall’ambiente in cui verrà installata la TV.

La qualità delle immagini è in linea di massima superiore in un modello OLED che assicura neri più profondi, maggiore contrasto e ampi angoli di visione. Uno schermo a LED può essere la scelta ideale se si utilizza soprattutto in orari diurni e in locali particolarmente illuminati.

GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.