Diventa Fan

Scooter

In Motori
4 apr, 2014

Lo scooter è la soluzione ideale per chi vuole spostarsi facilmente nel traffico urbano. Può essere guidato anche da minorenni, non per questo, ad oggi si ci può sottrarre ad obblighi di natura legislativa. Vediamo in questa guida all’acquisto le principali caratteristiche di questo veicolo.

Campione rappresentativo di moto Scooter

Caratteristiche

La passione per gli scooter è molto diffusa in Italia. Coinvolge indistintamente, grandi e piccini. Questo perché consente ai primi di riuscire agevolmente il luogo di lavoro e le molte commissioni da fare nella giornata o durante la settimana. Ai più giovani consente di andare a scuola senza prendere l’autobus o comunque di uscire al pomeriggio con gli amici. Il binomio esigenza – divertimento è, pertanto, identificativo di chi vuole acquistare questo veicolo. Lo scooter è un motoveicolo abbastanza semplice da guidare. Se vogliamo quelli di oggi altro non sono che una rivisitazione in chiave moderna di classici come la lambretta o la vespa. Simbolo di libertà, intraprendenza che ha segnato una generazione. A, cominciare dall’utilizzo che se ne fece in ambito militare, per esempio, nel secondo conflitto mondiale (foto e film ne attestano l’uso).

Per arrivare a oggi che le due ruote sono diventate uno strumento di lavoro anche per aziende private e pubbliche. Diciamo che nelle grandi città il pony-express è molto usato. Ma anche aziende come le Poste italiane usano gli scooter per i loro postini; o alcune amministrazioni impiegano scooter per gli agenti di polizia municipale. Lo scooter si diversifica per cilindrata ed alimentazione anche poco inquinante. Rientra nella categoria motoveicoli ed è soggetta, di conseguenza a normative, che riguardano la manutenzione ed anche la stessa guida. Inoltre ora ci sono delle prescrizioni che riguardano anche chi può guidarli e, in particolare, a che età e il tipo di cilindrata. Pertanto si chiariranno nel prosieguo della guida tutti questi punti. In modo da dare un’informazione appropriata e precisa per coloro che hanno intenzione di acquistare uno scooter!

Normativa

Il motore è l’anima di ogni veicolo e motoveicolo. In questo caso specifico ciò che è importante sono potenza e accelerazione, ed ovviamente il consumo. Anche in questo caso bisogna fare delle distinzioni. Se cercate uno scooter che sia adatto alla città e, pertanto, veloce dovrete optare per quelli provvisti di una buona accelerazione. Se tenete ai vostri risparmi, invece, pensate ad uno scooter in cui ci sia un consumo parsimonioso di carburante. In tal caso, in fase di scelta, leggete attentamente i documenti redatti dalle case produttrici a corredo del motoveicolo.

C’è chi, con lo scooter si lancia impavidamente anche su terreni extraurbani. In tal caso non basterà uno scooter leggero e di piccola cilindrata. Dovrà per forza prendere in considerazione un modello che sia potente, quindi veloce e con una buona accelerazione. Tra le componentistiche tecniche rientra, poi, il cambio. Oramai molti scooter, di qualsivoglia cilindrata, sono dotati del cambio automatico, che consente la variazione graduale, ma continua di velocità. Sicuramente molto comodo e pratico.

Tra gli aspetti normativi che interessano la parte tecnica dello scooter c’è, poi, l’omologazione anti-smog. Bisogna sapere, infatti che gli scooter di oggi devono essere omologati Euro 3. Ormai tutti quelli di nuova generazione lo sono. Questi scooter hanno un sistema anti-inquinamento. Un aspetto che, di conseguenza, è significativo ed influisce sulla scelta finale di acquisto.

Molto importante, infine, è la tassa di circolazione. Bisogna sapere che questo importo deve essere pagato annualmente e la cifra da corrispondere è in relazione alla potenza in KW del mezzo. A questo punto è meglio informarsi su questa tassa. Sappiate, infatti, che codesto importo è variabile da una regione all’altra. Le cifre, ad ogni modo, non sono esose. Mediamente l’importo totale è dato dai KW del vostro scooter, quindi ricordatevelo prima di acquistare.

Design

Anche l’occhio vuole la sua parte! Naturalmente il design è la prima cosa che si guarda al momento dell’acquisto. Carrozzeria, colore e accessori tanta è la quantità di marche e modelli. Ultimamente per gli scooter da città c’è l’imbarazzo della scelta. I designer delle due ruote si lasciano davvero trasportare dalla fantasia. Tra i più giovani, inoltre, uno scooter “alla moda” è sinonimo di vanto fra gli amici ed è forse il requisito principale che porta alla scelta definitiva quando viene effettuato l’acquisto. Ovviamente senza distinzione fra maschi e femmine.

Sono tutti accontentati! Modelli dal design aggressivo, che si distinguono per il design particolarmente aerodinamico, quasi volessero decollare su strada. Oppure modelli, decisamente più sobri in carrozzeria e colore, che assicurano comfort e maneggevolezza. Ad ogni modo ogni scooter si distingue per la marca. Le case produttrici si stanno davvero distinguendo per la creazione di motoveicoli dotati di accessori, vani, scompartimenti, per rendere funzionale il nostro scooter.

Dicevamo, infatti, che lo scooter non è solo un mezzo per ragazzi e ragazze che devono andare a scuola o passeggiare il pomeriggio nel centro città per far colpo sugli amici. I lavoratori dove li mettiamo? I modelli “classici” per colore e carrozzeria sono l’ideale per chi vuole andare in ufficio senza passare per “matto” agli occhi dei colleghi. Inoltre molti di questi sono dotati di optional, come il bauletto, dove possono riporsi documenti e quant’altro serva all’attività lavorativa, o il parabrezza (contro insetti e moscerini che si “spiaccicano” in viso). Tra l’altro l’impiegato o professionista che scegli un modello del genere è colui che acquista in maniera razionale. Vale a dire per un’esigenza di spostarsi agevolmente in città.

Alcuni modelli, invece, sono senza tempo: intramontabili! La Vespa scooter per eccellenza è ritornato in auge con i nuovi modelli. Ma è altrettanto vero che esistono moltissimi estimatori dei modelli “tradizionale” come l’ormai leggendaria 50 Special, che in tanti stanno riscoprendo rimettondole a nuovo.

Carrozzeria

La carrozzeria dà l’idea precisa del tipo di scooter che andiamo a scegliere. E contraddistingue i vari modelli in commercio. Alcuni hanno forme ben precise e linee che sono create apposta dalle mani abili dei produttori per creare uno stile che differenzi uno scooter dall’altro. Ovviamente la carrozzeria deve essere in linea con il modello. Un 50 cc avrà una linea più morbida rispetto ad un 250 cc che sarà decisamente di aspetto più robusto! In generale si possono distinguere tre tipologie: leggera, medio-grande, maxi scooter.

I modelli di cilindrata 50 cc, ad esempio lo Scarabeo Aprilia e affini, hanno linee decisamente sottili ed una struttura alta e slanciata. Le forme molto eleganti. Ci sono, poi, scooter di dimensione medio-grande con carrozzeria e forma molto decisa. In questa categoria la cilindrata è mediamente, a partire dai 125 cc. Il modello simbolo di questa categoria è la Vespa, recentemente rilanciata dalla Piaggi in chiave moderna. Anche se il nuovo look non ha nulla a che vedere con il classico due ruote anni ’60.

Ecco che si arriva, infine ai maxi scooteroni. Questi modelli si caratterizzano per superiorità sia in termini di carrozzeria che di cilindrata. Si pensi che il motore di uno di questi maxi scooter può essere sino a 600 cc. A differenza di quanto si pensi, in basi a questa “grinta” del motore, le forme sono molto eleganti e sobrie. Semmai hanno molta classe per questo molto utilizzati da manager e professionisti di un certo livello sociale. Parlando di prezzi, ovviamente, più si sale di modello più l’euro segue a ruota. Non solo dal punto di vista dell’acquisto, ma anche per le tasse da pagare all’assicurazione. Vale la stessa filosofia delle auto.