Migliori kit di videosorveglianza wireless

I migliori kit di videosorveglianza wireless selezionati per risoluzione delle telecamere, portata del segnale wireless e capacità del DVR.

INDICE
1. Classifica migliori kit di videosorveglianza wireless
1.1 Foscam FKIT-05
1.2 D-Link DCS 2802KT EU
1.3 Urmet WIFI 1098/800
1.4 Setik ST-8 KITIP960W
1.5 Casasicura Kit NRV4
1.6 Netgear Arlo Pro 2 VSM4430P
2. Come scegliere un kit di videosorveglianza wireless
2.1 Tipologie
2.2 Caratteristiche tecniche

Classifica migliori kit di videosorveglianza wireless

Foscam FKIT-05

Kit videosorveglianza Foscam FKIT-05

Foscam FKIT-05 è il miglior kit di videosorveglianza wireless presente in classifica. Grazie alla completezza della fornitura e alle caratteristiche tecniche, è in grado di assicurare soddisfacenti livelli di sicurezza anche per ambienti di grandi volumetrie.

Il sistema di questa recensione è composto da 8 videocamere adatte per l’installazione all’esterno che consentono la registrazione video senza l’utilizzo di un PC. Offrono una risoluzione Full HD grazie ad un sensore da 2 megapixel e anche un’adeguata visione notturna sfruttando la tecnologia infrarossi.

Il collegamento con l’unità di registrazione NVR FN3109H può avvenire sia attraverso il Wi-Fi oppure utilizzando un cavo di rete.

Il kit è molto flessibile permettendo all’utente di configurare e gestire tutto il sistema anche da un dispositivo mobile in remoto. La registrazione assicura un buon livello di personalizzazione con l’archiviazione dati direttamente su SDcard oppure su disco rigido Seagate Barracude da 1TB.

A completare la dotazione di serie c’è un monitor SA300 Samsung da 21,5 pollici FHD, per una visione chiara e nitida in ogni situazione. Nella confezione è compreso anche il cartello con dicitura Area Videosorvegliata da esporre all’esterno in conformità alla legge in vigore.

Secondo la mia opinione, Foscam FKIT-05 è un kit di videosorveglianza completo sotto tutti i punti di vista. L’utente può guardare e registrare filmati in tempo reale e in qualsiasi momento, il tutto comodamente anche da remoto tramite smartphone.

D-Link DCS 2802KT EU

D-Link DCS 2802KT EU kit

D-Link DCS 2802KT EU è un kit di videosorveglianza wireless adatto a monitorare ambienti interni ed esterni di medie dimensioni e con soddisfacenti risultati.

Un Hub e due videocamere compongono l’intero sistema che funziona in modalità totalmente wireless attraverso una connessione Wi-Fi e l’utilizzo di batterie ricaricabili di lunga durata.

La videocamera è stata progettata con dimensioni molto compatte e con un grado di protezione IP65 per resistere a tutte le intemperie, rendendola adatta per l’uso esterno in qualsiasi condizione climatica.

Il sensore ottico con risoluzione Full HD da 1080 pixel e zoom digitale 4X, è garanzia di immagini chiare e nitide anche in condizioni di scarsa illuminazione o durante le ore notturne.

L’App mydlink permette di poter gestire da remoto tutte le funzioni offerte da questo kit, ricevendo sul telefono gli avvisi in caso di movimenti o rumori sospetti rilevati nelle zone sorvegliate.

L’archiviazione delle registrazioni avviene direttamente su MicroSD oppure su disco esterno collegabile tramite presa USB all’unità centrale. C’è anche la possibilità di sfruttare il servizio di cloud gratuito, in grado di conservare i dati per 1 giorno oppure scegliere uno dei tre abbonamenti proposti basic, premiun e pro, con la possibilità di archiviare i video anche fino a 30 giorni.

Secondo la mia opinione, una caratteristica interessante del prodotto è la totale compatibilità con sistemi domotici come Alexa di Amazon, l’Assistente Google e IFTTT.

Urmet WIFI 1098/800

Urmet WIFI 1098800 kit

Urmet WIFI 1098/800 è un kit di videosorveglianza indicato per chi cerca un sistema di semplice utilizzo, efficiente e dai costi contenuti.

Il sistema di questa recensione è composto da un’unità di registrazione a 4 canali video con risoluzione FHD 1920 x 1080 pixel e dotata di un’uscita VGA e una HDMI.

È già installato un hard disk SATA da 1TB (espandibile al massimo fino a 6TB) per archiviare le immagini registrate. Le telecamere Wi-Fi sono dotate di antenne per il potenziamento della portata che può arrivare fino a 40 metri, mentre l’alimentazione deve essere fornita tramite i due alimentatori in dotazione da collegare ad una presa elettrica.

Le immagini risultano di buona qualità grazie alla risoluzione 1080 pixel e l’utilizzo di sensori ottici Progressive 2M CMOS.

L’App Iuvus Plus permette di gestire tutta la videosorveglianza da remoto tramite un qualunque dispositivo mobile sia Android che iOS. Oltre ad osservare in diretta l’area sorvegliata, è possibile accedere per visualizzare le registrazioni e ricevere notifiche in caso di allarme.

Urmet WIFI 1098/800 è secondo la mia opinione un kit wireless di videosorveglianza con tutte le funzionalità necessarie a ottenere un adeguato livello di sicurezza, e meritevole di una buona posizione all’interno della mia classifica.

Setik ST-8 KITIP960W

Setik ST-8 KITIP960W kitIl kit di videosorveglianza Setik ST-8 KITIP960W è una buona scelta di acquisto nel caso si debba monitorare la sicurezza di zone esterne abbastanza ampie. Il sistema è infatti composto da 8 videocamere di tipo bullet con forma affusolata e da un’unità centrale NVR.

Tutte le videocamere sono dotate di ottica fissa da 3,6 millimetri e hanno un grado di protezione IP66 per assicurare totale resistenza dagli agenti atmosferici. Sono in grado di offrire immagini chiare e nitide in qualsiasi condizione di luce, grazie ad un sensore ottico da 1 megapixel e infrarossi con 3 Dot Led. Per espandere la portata del segnale ogni telecamera è stata predisposta di antenna.

L’unità centrale NVR a 8 canali si connette alle videocamere con modalità Wi-Fi, ma volendo anche attraverso cablaggio con cavo di rete (è necessario segnalare in recensione che in questo caso bisogna acquistare a parte uno switch).

Per la registrazione video è possibile collegare un hard disk esterno SATA alla porta USB, mentre per la visualizzazione si può sfruttare l’uscita VGA o HDMI per connettere un monitor.

Setik offre all’utente l’opportunità di sfruttare la funzione di notifica tramite invio mail in caso di intrusione o movimento sospetto e di abbonarsi ad un servizio di cloud per l’archiviazione delle registrazioni.

Setik ST-8 KIT P960W secondo la mia opinione offre un interessante rapporto qualità prezzo, facilità d’installazione, adeguata versatilità e soddisfacente controllo degli ambienti sorvegliati.

Casasicura Kit NRV4

Casasicura Kit NRV4 kit

Casasicura Kit NRV4 è il classico sistema wireless di videosorveglianza composto da una base di registrazione NRV e da 4 telecamere IP.

Grazie ad un collegamento con tecnologia a cascata, ogni telecamera può funzionare come trasmettitore di segnale verso quella che segue in modo da ampliare la portata fino a 400 metri. Si tratta del valore più elevato in classifica.

L’unità di controllo comunica con le videocamere tramite connessione Wi-Fi, registrando in tempo reale le immagine e offrendo una buona qualità visiva. La risoluzione massima è 1280 x 960 pixel, mentre tutti i video vengono archiviati sul disco fisso da 1 TB (espandibile fino a 4TB) inserito nell’apposito alloggiamento dell’unità centrale.

Con la capacità di memorizzazione disponibile è possibile archiviare fino a 16 giorni in modalità continua; terminato lo spazio sul disco fisso, i nuovi dati verranno automaticamente sovrascritti ai vecchi.

Le videocamere hanno un grado di protezione IP65, sono adatte sia per ambienti interni che esterni sfruttando un’ottica fissa da 3,6 millimetri e un sensore da 1,3 megapixel.

La gestione del sistema può avvenire sia da PC che con dispositivo mobile, scaricando l’App dedicata per disporre di un controllo live anche da remoto.

Grazie ad una modalità di installazione Plug&Play e adeguate funzionalità, Casasicura Kit NRV4 si inserisce in una buona posizione della mia classifica.

Netgear Arlo Pro 2 VSM4430P

Netgear Arlo Pro 2 VSM4430P kit

Netgear Arlo Pro 2 VSM4430P è un kit di videosorveglianza wireless con caratteristiche tecniche, funzionalità e completezza della fornitura che gli garantiscono una buona posizione in classifica.

Il sistema è composto da 4 videocamere, da una stazione di base e da tutti gli accessori e supporti necessari per una corretta installazione.

Attraverso il collegamento Wi-Fi e all’App da scaricare su un dispositivo mobile, è possibile gestire la videosorveglianza da remoto e avere sempre la situazione sotto controllo.

In caso di rilevamento di movimento o suono sospetto, l’utente riceverà immediatamente una mail o una notifica di allarme. Per registrare immagini e video non è necessario nessun supporto fisico, ma si può sfruttare il servizio di cloud gratuito per 7 giorni, visualizzando o scaricando quello che più interessa in qualsiasi momento. È anche possibile archiviare i dati in locale collegando un supporto esterno alla presa USB dell’unità centrale.

Le videocamere hanno una risoluzione Full HD da 1080 pixel; possono essere installate sia all’interno che all’esterno senza preoccupazione, grazie al grado di isolamento IP65. Durante le ore di scarsa illuminazione la sorveglianza è garantita dall’attivazione in automatico e dai potenti led a infrarossi.

Si ottiene ulteriore flessibilità d’utilizzo, dalla possibilità di doppia alimentazione delle telecamere tramite presa della corrente oppure batteria ricaricabile con adeguata autonomia.

Altre interessanti funzioni sono la cattura di immagini fino a 3 secondi prima dell’evento segnalato, in modo di avere il totale controllo di ciò che accade

. L’utente può anche evidenziare specifiche zone all’interno del campo visivo della videocamera, per ricevere notifiche di allarme solo in caso vengano rilevati movimenti o rumori sospetti nell’area selezionata.

Tutte queste modalità sono attivabili solo se la videocamera è utilizzata all’interno e collegata alla presa di corrente. Infine da non dimenticare la compatibilità del kit Arlo Pro 2 VSM4430P con sistemi domotici come Amazon Alexa, IFTTT e Stringify.

Come scegliere un kit di videosorveglianza wireless

Installare un kit di videosorveglianza wireless significa aumentare notevolmente il livello di sicurezza della propria abitazione, godendo di un comodo collegamento senza cavi. In realtà il termine wireless si riferisce alla trasmissione del segnale che avviene sfruttando la rete Wi-Fi. Nei sistemi per esterno rimane, quasi sempre, la necessità di cablare i cavi per l’alimentazione elettrica delle videocamere.

Grazie al montaggio di un determinato numero di videocamere in punti strategici, è possibile controllare in tempo reale la zona visualizzando le immagini live sul monitor del PC o lo schermo dello smartphone. Appositi sensori di movimento sono pronti a far scattare l’allarme in presenza di un’intrusione nell’area sorvegliata.

L’impianto può integrare una sirena per dissuadere il malvivente oppure comandare l’accensione di potenti fari, ma in ogni caso verrà immediatamente inviato un avviso al padrone di casa. E’ possibile ricevere una semplice notifica sul dispositivo mobile, una mail all’indirizzo di posta specificato oppure un SMS verso tutti i numeri di telefono eventualmente associati.

Tipologie

In questa guida ho deciso di prendere in considerazione i kit di videosorveglianza con collegamento Wi-Fi che rappresentano la soluzione di riferimento per ambienti domestici. I vari prodotti si differenziano in base all’uso per interno o esterno, presenza di unità NRV (Network Video Recorder) e numero di videocamere.

Kit videosorveglianza wireless con NRV

Sono sistemi costituiti da un’unità centrale dotata di un certo numero di canali a cui collegare altrettante videocamere tramite Wi-Fi (solitamente è possibile anche la connessione con cavo di rete). A sua volta l’unità NRV va interfacciata con il router e provvede ad amplificare la portata del segnale e consente la gestione da remoto con app oppure piattaforma web.

La centralina presenta anche una o più uscite per collegare monitor supplementari e viene utilizzata per registrare su disco fisso integrato le immagini catturate durante la giornata. Alcuni prodotti prevedono il servizio di cloud per l’archiviazione su server remoto.

Kit videosorveglianza wireless senza NRV

L’unità NRV è sostituita da un bridge che si interfaccia con il router e permette di associare più videocamere a seconda delle necessità. Solitamente sono dispositivi adatti per uso interno avendo una portata più limitata, tuttavia modelli molto costosi offrono videocamere impermeabili per il monitoraggio anche di ambienti esterni.

Le sostanziali differenze riguardano una maggior flessibilità, funzioni smart più complete e il metodo di registrazione delle immagini. Molti prodotti permettono di aggiungere videocamere e accessori anche di altri marchi, mentre il sistema di archiviazione non prevede un disco fisso ma servizio di cloud con abbonamento per affittare uno spazio fisico sul server del produttore. I kit più costosi dispongono di avanzate funzioni smart, tra cui la compatibilità con i principali assistenti vocali.

Caratteristiche tecniche

Sono davvero tanti gli aspetti da valutare per scegliere un kit di videosorveglianza wireless. Alcuni fattori risultano fondamentali per evitare un acquisto sbagliato, altri invece sono meno importanti. Tuttavia una buona conoscenza generale delle caratteristiche tecniche permette di ottimizzare la spesa e soddisfare le proprie esigenze.

Uso interno o esterno

Uno dei primi aspetti a cui prestare attenzione è il tipo di utilizzo, facendo una distinzione tra interno ed esterno ovvero dove desideri effettivamente collocare le videocamere. In commercio puoi trovare kit adatti per il montaggio dentro casa o comunque in luoghi ben riparati dalle intemperie e altri appositamente progettati per l’uso sotto la pioggia o in qualsiasi condizione climatica. In quest’ultimo caso il costo è mediamente superiore, in quanto sono richieste determinate caratteristiche tecniche (adeguato grado di protezione IP65 o superiore per assicurare impermeabilità all’acqua) e materiali molto robusti.

Tra videocamere di sorveglianza per uso interno o esterno cambiano anche dimensioni e forma. I modelli che installi dentro casa sono più compatti e spesso con design ricercati per meglio integrarsi con l’arredamento; hanno forme sferiche oppure ovali e li puoi fissare a parete, soffitto o semplicemente appoggiare sopra un mobile.

I prodotti per uso esterno badano poco all’aspetto estetico, presentano dimensioni più ingombranti e strutture a forma affusolata con apposito tettuccio per proteggere l’obbiettivo da pioggia e raggi solari. In altri casi hanno la classica forma a cupola che meglio si adatta a determinati tipi di installazione e permette un maggior angolo visivo.

Raggio d’azione

Questo fattore ha grande rilevanza se prevedi il montaggio del kit di videosorveglianza all’esterno. In caso di zone molto vaste le videocamere posizionate a maggior distanza potrebbero non ricevere il segnale Wi-Fi.

Il raggio d’azione indicato dal fabbricante è stabilito tramite test effettuati in condizioni ottimali senza il minimo ostacolo o interferenza, ossia situazioni difficilmente replicabili nella realtà. La scarsa ricezione si verifica anche in impianti installati all’interno di abitazioni sviluppate su più piani. In tali frangenti è opportuno fare test preliminari e nel caso prevedere amplificatori di segnale.

Dovendo coprire lunghe distanze suggerisco di valutare l’acquisto di prodotti che utilizzano apposite tecnologie cosiddette a cascata, in cui ogni videocamera funge anche da trasmettitore di segnale così da ampliare notevolmente l’area coperta.

Facilità d’installazione

Rispetto a qualche anno fa gli attuali kit di videosorveglianza wireless per uso domestico li possiamo considerare sistemi plug e play, ovvero non servono particolari conoscenze in campo informatico ed elettrotecnico.

Il posizionamento delle videocamere richiede solo l’uso di un trapano e un minimo di dimestichezza manuale, mentre gli unici fili da cablare sono, eventualmente, quelli dell’alimentazione. La configurazione col router di casa normalmente non risulta affatto difficoltosa, dovendo collegare con un cavo di rete l’unità di controllo e seguire la semplice procedura d’installazione descritta nelle istruzioni oppure direttamente sullo smartphone.

Numero di videocamere e possibilità di espansione

I kit in commercio partono da un minimo di due videocamere arrivando anche a 16 elementi, con la scelta legata alla vastità della zona da sorvegliare o numero di locali. Un aspetto a cui prestare attenzione è la possibilità di espansione aggiungendo altre videocamere in caso di necessità.

In un sistema con unità NRV il numero di elementi installabili è pari a quello dei canali disponibili; quindi, se vuoi aumentare i punti di sorveglianza, sarai costretto a sostituire la centralina.

Nei kit senza unità NRV devi solo controllare il numero massimo di videocamere che puoi associare e gestire tramite app. Il vantaggio è dover acquistare solo l’elemento aggiuntivo e, spesso, puoi anche inserire prodotti compatibili di altri marchi.

Tipo di alimentazione

I kit di videosorveglianza wireless sono caratterizzati dalla trasmissione del segnale tramite Wi-Fi, quindi senza necessità di cablaggio. Tuttavia devi sempre considerare l’alimentazione elettrica delle videocamere. La maggior parte dei sistemi per esterno richiedono il collegamento di un filo alla rete domestica, scelta piuttosto ovvia poiché l’installazione fissa poco si adatta alla necessità di periodiche ricariche.

I kit con batterie ricaricabili caratterizzato i modelli per uso interno e più raramente quelli installati all’esterno. Infatti dentro casa è spesso richiesta la possibilità di spostare facilmente le videocamere anziché lasciarle in posizione fissa. L’assenza di un cavo dell’alimentazione assicura grande libertà di movimento e collocamento in qualsiasi punto senza necessità di una presa di corrente nelle immediate vicinanze.

Qualità delle immagini

La qualità delle immagini è certamente un elemento che fa la differenza. Anche in questo caso suggerisco di valutare le reali esigenze per non spendere inutilmente cifre esagerate, acquistando prodotti dalle potenzialità poco sfruttate.

Il primo dato è la risoluzione che dev’essere configurabile partendo da un livello base HD (1280×720) e possibilità di impostare la modalità FHD (1920×1080). Se desideri immagini particolarmente nitide e dettagliate puoi trovare modelli costosi con risoluzione 2K o 4K (3840×2160). A tal proposito ricordo che maggiore è la risoluzione e più pesanti risultano i pacchetti dati, quindi serve una connessione Wi-Fi molto potente e stabile.

La qualità della visione notturna ha grande rilevanza, soprattutto, per il monitoraggio di ambienti esterni. In questo caso devi controllare i dati relativi alla portata raggiungibile al buio (i modelli migliori coprono anche 30 metri) e numero di LED infrarossi.

Per quanto riguarda l’angolo di visione non c’è un dato di riferimento per dire che un modello sia migliore di un altro e la scelta dipende dall’ampiezza della zona e tipo di installazione. Ad esempio le videocamere Dome (a cupola) hanno una forma e un meccanismo motorizzato che permette, in determinate circostanze, campi visivi molto ampi e una copertura di 360 gradi. Sotto quest’aspetto i modelli con angolo di visione minore sono i cosiddetti Bullet con valori che oscillano tra 60 e 80 gradi.

Modalità di archiviazione

Nel momento in cui la videocamera rileva un movimento parte la registrazione delle immagini, che poi potranno essere visionate dal padrone di casa o eventualmente dalle Forze dell’Ordine. Non disponendo del video svaniscono anche le prove dell’effrazione o di qualsiasi altra violazione commessa.

I sistemi NRV sono dotati di disco fisso interno con capacità minima di 1 TB ed espandibile fino a 6 TB nei modelli migliori. Ciò significa poter archiviare una gran quantità di immagini e video 24 ore su 24 anche per molti giorni consecutivi. Resta il fatto che se il malvivente si impossessa o distrugge l’hard disk, ci troviamo senza nulla in mano.

Una valida alternativa è rappresentata dall’archiviazione remota tramite cloud, ovvero affittare uno spazio fisico sul server del produttore dove memorizzare i dati. In questo modo si hanno sempre a disposizione i video per un determinato tempo prima che vengano cancellati.

Il rovescio della medaglia è dover sottoscrivere un abbonamento, tuttavia con possibilità di scegliere diverse tariffe in base alle necessità. Chi offre il servizio di cloud, di solito, permette la memorizzazione gratuita per 24 ore con cancellazione automatica al termine della giornata.

Ti suggerisco sempre di controllare la possibilità di abbonarti a tale servizio, soprattutto nei sistemi NRV che spesso non lo prevedono.

Nei kit per uso interno potrebbe essere fornita l’archiviazione su scheda di memoria inserita direttamente nelle videocamere. Si tratta di un metodo efficace sempreché la capacità di archiviazione risulti sufficiente e il malvivente non distrugga la videocamera o si impossessi della scheda.

Compatibilità con assistenti vocali

Amazon Alexa, Google Home e Siri di Apple sono sempre più diffusi nelle case degli italiani. Di conseguenza, se anche tu fai uso di un assistente vocale, è bene che valuti la compatibilità con il kit di videosorveglianza. Solo in questo modo hai la certezza di poter sfruttare pratici comandi vocali per gestire le principali funzioni e, ad esempio, avere immediato accesso alle immagini live senza dover passare dall’app o utilizzare il dispositivo mobile oppure il PC.

Funzionalità smart

Un kit di videosorveglianza wireless deve offrire la comoda gestione tramite app o web, così da poter controllare l’ambiente domestico anche quando sei lontano da casa. Lo streaming in tempo reale è una funzione essenziale per intervenire prontamente in caso di effrazione o movimenti sospetti.

Purtroppo, per esperienza personale, ho costatato che molto spesso a fronte di un hardware di eccellente qualità non corrisponde un software altrettanto valido. Perciò ti consiglio di verificare, nel limite del possibile, l’esperienza di altri consumatori per capire se l’interfaccia utente è intuitiva e le funzioni complete.

Classifiche correlate