Migliori robot tosaerba

di Andrea Pilotti 7 Maggio 2019

I migliori robot tosaerba selezionati per autonomia, diametro e altezza di taglio, controllo remoto e rapporto qualità prezzo.

miglior robot tosaerba

Stiga Autoclip 221

Recensione

Gardena Sileno city 500

Recensione

Wolf Garten Loopo S150

Recensione

Zucchetti Ambrogio L60

Recensione

Worx Landroid S500 i WR104SI

Recensione

Robomow RX 12u

Recensione

 

Come scegliere un robot tosaerba

Sarebbe bello non dover più preoccuparsi di tagliare il prato ma nello stesso tempo avere un manto erboso sempre impeccabile. Per ottenere un tale risultato basta acquistare un moderno ed efficiente robot tosaerba. Dopo averlo installato e programmato, diventerà il vostro giardiniere personale mantenendo il prato sempre in perfette condizioni. Si tratta di un apparecchio con costi significativi per cui è bene valutare con estrema attenzione che modello scegliere in base alle reali necessità.

Ampiezza della superficie

Quando si valuta un robot tosaerba, il principale aspetto da tenere in considerazione è l’estensione del prato. Attorno a questo dato orbitano tutti gli altri fattori che incidono sulla scelta finale. In commercio si possono trovare dispositivi adatti per superfici di poche centinaia di metri quadri, fino ad arrivare a macchine in grado di coprire estensioni di 4000 metri quadri. È chiaro come le differenze in termini tecnici e di prezzo siano enormi. Un robot per grandi superfici sarà equipaggiato con potenti batterie per garantire adeguata autonomia e avrà funzioni più o meno complesse per meglio gestire le varie fasi di taglio. Da questo punto di vista l’utente finale è abbastanza facilitato nella scelta: gli basterà conoscere l’estensione del prato e acquistare un robot che soddisfi tale condizione.

Inclinazione

Avendo terreni con forte inclinazione (anche fino a 45 gradi), è bene verificare che il modello scelto abbia la potenza sufficiente e le funzionalità per poter affrontare tali pendenze. Normalmente, vista la grande importanza, è un dato riportato in tutte le schede tecniche.

Funzionalità

A parità di estensione superficiale gestibile, la scelta tra un modello rispetto ad un altro potrebbe dipendere dalle funzionalità offerte. Un robot tosaerba per poter funzionare correttamente deve riconoscere i limiti della zona. Per far questo esistono due metodi. Il primo necessita del posizionamento di un cavo perimetrale (superficiale o interrato) e di un ulteriore cavo guida per indicare al robot la via del ritorno quando si trova lontano dalla base di ricarica. Questo sistema è quello maggiormente utilizzato con modelli adatti per piccole e medie estensioni. L’utente dovrà preoccuparsi del posizionamento del cavo secondo le istruzioni presenti nel manuale del prodotto. Non è un’operazione complicata ma nel caso di difficoltà, è necessario chiamare un giardiniere che provvederà alla posa. Nei robot per vaste superfici invece si utilizza la più comoda tecnologia GPS per mappare la zona, delimitare i confini e stabilire i percorsi. I robot tecnologicamente più avanzati sono in grado di memorizzare una serie di dati in modo da ottimizzare di volta in volta qualità e tempistiche del taglio.

Tutti i modelli sono dotati di sensori di urto e sollevamento per evitare gli ostacoli e arrestare il motore in caso di forte impatto o sollevamento della scocca. I robot con funzionamento completamente completamente automatico ritorneranno alla base quando il livello di carica si abbasserà oltre un certo limite di sicurezza. Da notare che questa tecnologia è mutuata dai robot aspirapolvere che hanno fatto la loro comparsa sul mercato qualche anno prima.

Un’altra funzionalità da tenere in considerazione è il controllo da remoto. I modelli di fascia alta dispongono di relativa app per modificare le varie impostazioni, usando comodamente un dispositivo mobile. È una possibilità molto comoda soprattutto quando è necessario allontanarsi da casa per lunghi periodi.

Batteria

Come per i più tradizionali tosaerba a batteria, capacità della batteria e conseguente autonomia sono direttamente collegate all’estensione superficiale. Non si può stabilire un valore ottimale o consigliato. Quello che si deve valutare è, a parità di ampiezza gestibile, il valore espresso in Ah, che indica la capacità offerta dalla batteria. In linea di massima un buon modello deve avere una capacità minima di 2 Ah per poi salire fino valori attorno ai 7 Ah. In alcuni casi è prevista la possibilità di equipaggiare il robot con uno o più accumulatori supplementari per allungarne l’autonomia.

Capacità di taglio

Trattandosi di un dispositivo per tosare l’erba è necessario disporre di una buona qualità di taglio. I dati da tenere in considerazione sono l’ampiezza e l’altezza. Il primo valore dipende dalla grandezza del diametro delle lame che oscilla tra i 20 e 40 millimetri. Una lama più grande permette di tagliare maggior quantità d’erba, evitando al robot di fare più passate e riducendo i tempi di lavoro. Per quanto riguarda l’altezza, un valore minimo medio è 20 millimetri che può scendere fino a 14 millimetri scegliendo determinati modelli. L’altezza può essere regolata manualmente oppure in modo elettronico direttamente dal pannello di comando o dall’applicazione installata sullo smartphone. L’utente può selezionare diversi livelli intermedi di taglio fino ad un’altezza massima che può arrivare attorno ai 65 millimetri.

Elettrodomestici che potrebbero interessarti
Come acquistare a metà prezzo

Per ottenere uno sconto superiore al 50% sul prezzo di listino, la nostra redazione ha sviluppato golden list, un gruppo su Facebook che ti informa quando i prodotti sono a metà prezzo.

Iscriviti al servizio gratuito

GUIDA ACQUISTI
Guida all'acquisto degli Elettrodomestici
Dal 2007 Guida Acquisti è la rivista consumatori indipendente che ti aiuta scegliere gli elettrodomestici, attraverso classifiche,recensioni e offerte dei migliori prodotti sul mercato.