Migliori robot tosaerba

I migliori robot tosaerba selezionati per autonomia, diametro e altezza di taglio, controllo remoto e rapporto qualità prezzo.

miglior robot tosaerba

Classifica migliori robot tosaerba

Robomow RC304U

Robomow RC304U

Pro

  • Design elegante
  • Modalità turbomow per il taglio di erba più lunga

Contro

  • Consumo energetico alto
  • Rumorosità

Robomow RC304U è un robot rasaerba in grado di gestire superfici che vanno dai 600 ai 1000 metri quadrati, quindi per giardini medio-grandi. La costruzione del corpo macchina è modulare, il che rende facile l’eventuale sostituzione di pezzi di ricambio.

La dotazione della confezione è completa e comprende la stazione base di ricarica, il filo perimetrale, il cavo di alimentazione, lo strumento di rimozione della lama per la sostituzione, i pioli, la guida utente, il roboruler che è un righello per la misurazione della distanza dal bordo del prato e per l’installazione del cavo perimetrale, i pali della stazione base e i connettori.

La larghezza di taglio è di 28 cm, e le altezze di rasatura sono regolabili tra i 15 e i 60 millimetri. L’installazione è semplice, soprattutto grazie al materiale informativo incluso nella confezione e al canale Youtube dove si possono trovare utili video che guidano nei primi passi di utilizzo.

Il robot, dopo la configurazione iniziale, calcola in autonomia la frequenza con cui deve tagliare il prato, in base alle dimensioni e alla complessità della superficie.

E’ presente anche un sensore di pioggia, che fa in modo che non venga iniziato un taglio programmato se non vengono rilevate condizioni climatiche asciutte.

Il motore ha una potenza che permette di far muovere il corpo macchina su superfici con una pendenza massima del 36%, che corrisponde a circa 20°.

E’ presente una modalità turbo che consente di fornire energia extra alle lame di taglio quando necessario, ad esempio durante il taglio su erba alta. Ciò è particolarmente utile per il primo taglio dopo l’eventuale pausa invernale.

Da segnalare anche la diversa modalità di movimento nei pressi dei bordi, rispetto ad altri modelli di altri produttori: invece di arrivare al cavo perimetrale, fermarsi, fare retromarcia, girare e muoversi in una diversa direzione, questo robot quando arriva nei pressi del perimetro inizia a curvare dolcemente senza interrompersi,ottenendo pertanto una rasatura migliore sulle bordature.

La rumorosità è leggermente maggiore rispetto a quella dei modelli di pari livello e potenza di altri marchi.

Si tratta in definitiva di un buon tosaerba, discretamente potente e che permette di effettuare tagli anche in condizioni in cui altri prodotti non riescono. Rapporto qualità/prezzo sufficiente.

Migliori robot tosaerba

Worx Landroid WR091S

Worx Landroid WR091S

Pro

  • Buona autonomia
  • Base di ricarica a scomparsa

Contro

  • Mancanza di programmazione multi-zona

Il robot tosaerba elettrico Worx Landroid WR091S si presenta alla vista con un design piacevole e non troppo stravagante, anche grazie all’accostamento dei colori nero e arancione, che lo rendono comunque visibile rispetto al verde del manto erboso.

La buona rasatura dei bordi è gestita da un sistema di rotazione sia oraria che antioraria e dalle 3 lame che sono affilate da entrambi i lati, anche se sistemi di questo tipo difficilmente garantiscono la precisione di un tagliabordi.

La base di ricarica non è ingombrante ed è apprezzabile il fatto che, essendo in definitiva una griglia forata, risulti invisibile una volta che l’erba cresce un po’.

L’utilizzo è immediato perché il tosaerba arriva già programmato, quindi basta accenderlo e funziona subito. In questa versione manca il supporto al Wi-Fi che consentirebbe la programmazione del tosaerba e la gestione della diverse zone di utilizzo attraverso un’app dedicata.

Quando piove, il sensore di pioggia comanda al robot di rientrare autonomamente alla base di ricarica, anche se conviene pensare di posizionare la base in un luogo riparato sia dai temporali che dall’eventuale sistema di irrigazione.

La superficie massima indicata dal produttore è di 300 metri quadrati, per una pendenza fino a 20° (corrispondenti al 35%).

Il motore elettrico è dotato della tecnologia brushless. Nella confezione sono inclusi i picchetti, il filo perimetrale, nove lame di ricambio e una chiave a brugola.

La modalità di rasatura mulching unita ai tagli frequenti, rende la gestione del prato più semplice in quanto non si deve mai portare via l’erba tagliata in discarica.

Quando viene incontrato un ostacolo, il tosaerba torna indietro ma lo fa dopo aver urtato ciò che ne ostruiva il passaggio, per cui è bene tenere in considerazione questo aspetto se il manto erboso da tagliare è abitato da animali domestici. In definitiva un prodotto valido, abbastanza completo in relazione al prezzo da pagare per portarlo a casa.

Migliori robot tosaerba

McCulloch Rob R600

McCulloch Rob R600

Pro

  • Qualità costruttiva
  • Silenziosità

Contro

  • Autonomia limitata
  • Lunghe operazioni preliminari

Il robot tosaerba McCulloch Rob R600 si presenta con linee materiali costruttivi solidi e assemblaggio ben realizzato. Inoltre il grado di impermeabilizzazione (IPX4 per il corpo macchina e IPX1 per la stazione di ricarica) consente di continuare la tosatura anche sotto la pioggia senza subire danni o cali prestazionali.

La dotazione comprende la stazione di ricarica, 3 lame metalliche, 200 pioli e 150 metri di filo di confine, cavo di alimentazione, 1 chiave a brugola e i giunti.

La batteria da 18V agli ioni di litio consente l’erogazione di potenza costante e tempi di ricarica non troppo lunghi, anche se l’autonomia è abbastanza limitata.

Le operazioni iniziali per la messa in funzione non sono particolarmente difficili ma richiedono tempo e attenzione: si deve distendere accuratamente il filo perimetrale (e quello in dotazione non sempre risulterà sufficiente) tenendo anche conto degli eventuali ostacoli da evitare all’interno della superficie da rasare.

Il tosaerba viene consigliato per superfici entro i 600 m2, questo non solo per motivi di autonomia, ma anche perché per superfici superiori il ritrovamento automatico della stazione di ricarica potrebbe risultare arduo al punto da lasciare il robot fermo a causa delle batterie esaurite.

Da segnalare gli accorgimenti presi per prevenire eventuali furti : presenza di un codice PIN per attivare e disattivare l’allarme e modificare le impostazioni; allarme acustico che segnala quando il corpo macchina viene sollevato da terra; accoppiamento con la propria stazione di ricarica. Quindi il robot non funzionerà se non si dispone della stazione di ricarica corretta.

La rumorosità e bassa e questo consente di far continuare i processi di rasatura anche in orario notturno. La programmazione può essere gestita su base settimanale, specificando uno o più tagli per ogni singolo giorno, ma non si possono specificare orari differenti ad esempio per escludere alcuni intervalli.

Il taglio dei bordi dovrà necessariamente essere completato con un elettroutensile specifico, in quanto il robot lascia circa 25 cm di spazio. Questo robot tosaerba è sicuramente dotato di apprezzabili caratteristiche e buona qualità generale, ma che comunque si paga: il prezzo è abbastanza alto.

Migliori robot tosaerba

Husqvarna 105 Automower

Husqvarna 105 Automower

Pro

  • Presenza di allarme e codice PIN
  • Sistemi di sicurezza per prevenzione infortuni
  • Qualità costruttiva

Contro

  • Assenza di sensore di pioggia

Il robot tosaerba Husqvarna 105 Automower è il modello entry level più potente rilasciato dal produttore, con meno funzioni e adatto a giardini di piccole dimensioni, ma che mantiene caratteristiche fondamentali quali affidabilità, facilità d’uso e buona qualità costruttiva.

Il movimento è casuale e vengono effettuate rasature procedendo per piccoli ritagli, ma alla fine la rasatura risulta uniforme e precisa, e in tempi buoni (per 600 metri quadrati, il tempo medio stimato è di 70 minuti).

Il sistema di programmazione è piuttosto completo e consente di impostare orari di falciatura, giorni alterni o specifici giorni della settimana.

La rumorosità è discretamente bassa: 58 dB dichiarati, e questo permette di programmare il taglio a qualsiasi orario, anche di notte.

Il taglio viene effettuato attraverso la rotazione di 3 lame in acciaio al carbonio fissate su un disco rotante. Questo sistema genera pochi detriti e diminuisce la necessità di pulizia, oltre a produrre un residuo di taglio molto sminuzzato che può facilmente essere compostato sul terreno.

L’autonomia è buona, e una ricarica è normalmente sufficiente per completare un ciclo di taglio su tutta la superficie. Ad ogni modo, il livello di carica viene controllato automaticamente e il robot torna alla base di ricarica da solo in caso di necessità.

La rasatura è compiuta in sicurezza, grazie alla distanza delle lame dal bordo del corpo macchina e ai sensori di sollevamento e inclinazione che fermano la rotazione all’occorrenza.

Sono presenti allarme e sistema di blocco con PIN, in modo da scoraggiare ladri o bambini che provino a giocare con il robot.

La scocca è costruita in modo da resistere alle intemperie, ma non è presente un sensore di pioggia. Ciò significa che potrebbe essere necessario pulire manualmente il robot dallo sporco dopo che è stato spento in caso di pioggia battente.

L’altezza di taglio è regolabile in un range che va da 20 a 50 millimetri. Questo robot è sicuramente valido e completo, e il prezzo da pagare assolutamente in linea con la qualità.

Migliori robot tosaerba

Gardena 15101-20 Sileno Life 750

Gardena 15101-20 Sileno Life 750

Pro

  • Silenziosità
  • Operazioni di pulizia semplici

Contro

  • Taglio bordi non troppo preciso

Gardena 15101-20 Sileno Life 750 è un robot tosaerba per metrature medie (fino a 750 metri quadrati) il cui design compatto è caratterizzato da linee morbide ed essenziali. La rasatura viene effettuata in modo regolare ed equilibrato, senza lasciare strisce di erba con diversa altezza.

Come per tutti i robot tosaerba automatici, anche per questo modello si dovrà curare con precisione, investendo un po’ di tempo e attenzione, l’operazione di tenditura del filo perimetrale di limitazione.

Il cavo di alimentazione fornito è per ambienti esterni e anche il connettore finale che si collega con la base di ricarica è a prova d’acqua, per evitare inconvenienti dovuti a pioggia o sistemi di irrigazione. Il corpo macchina è anch’esso resistente alla pioggia.

La velocità di taglio è buona e la potenza del motore permette di far operare il robot anche in presenza di piccole pendenze. Tramite iscrizione al sito del produttore è possibile beneficiare della garanzia di 3 anni.

E’ possibile attivare una protezione con codice PIN, inoltre attraverso procedura online è possibile bloccare l’utilizzo del tosaerba in caso di furto.

Da segnalare la funzione ECO, attivabile opzionalmente, attraverso la quale è possibile disattivare l’alimentazione dei cavi perimetrali durante la fase di ricarica. Questo permette non solo di risparmiare un piccolo quantitativo di energia elettrica, ma di diminuire il rischio di attirare fulmini in caso di temporali.

Il taglio dei bordi purtroppo, come in praticamente tutti i robot tosaerba, non è preciso e lascia dello spazio che deve essere necessariamente rifinito con uno specifico tagliabordi.

Il motore è abbastanza silenzioso, il che permette di far continuare la rasatura in qualunque orario del giorno e della notte, e le operazioni di pulizia sono semplici. La durata delle lame è buona e il costo delle lame di ricambio contenuto. Un prodotto discreto, dal sufficiente rapporto qualità/prezzo.

Migliori robot tosaerba

Come scegliere un robot tosaerba

Sarebbe bello non dover più preoccuparsi di tagliare il prato ma nello stesso tempo avere un manto erboso sempre impeccabile. Per ottenere un tale risultato basta acquistare un moderno ed efficiente robot tosaerba. Dopo averlo installato e programmato, diventerà il vostro giardiniere personale mantenendo il prato sempre in perfette condizioni. Si tratta di un apparecchio con costi significativi per cui è bene valutare con estrema attenzione che modello scegliere in base alle reali necessità.

Ampiezza della superficie

Quando si valuta un robot tosaerba, il principale aspetto da tenere in considerazione è l’estensione del prato. Attorno a questo dato orbitano tutti gli altri fattori che incidono sulla scelta finale. In commercio si possono trovare dispositivi adatti per superfici di poche centinaia di metri quadri, fino ad arrivare a macchine in grado di coprire estensioni di 4000 metri quadri. È chiaro come le differenze in termini tecnici e di prezzo siano enormi. Un robot per grandi superfici sarà equipaggiato con potenti batterie per garantire adeguata autonomia e avrà funzioni più o meno complesse per meglio gestire le varie fasi di taglio. Da questo punto di vista l’utente finale è abbastanza facilitato nella scelta: gli basterà conoscere l’estensione del prato e acquistare un robot che soddisfi tale condizione.

Inclinazione

Avendo terreni con forte inclinazione (anche fino a 45 gradi), è bene verificare che il modello scelto abbia la potenza sufficiente e le funzionalità per poter affrontare tali pendenze. Normalmente, vista la grande importanza, è un dato riportato in tutte le schede tecniche.

Funzionalità

A parità di estensione superficiale gestibile, la scelta tra un modello rispetto ad un altro potrebbe dipendere dalle funzionalità offerte. Un robot tosaerba per poter funzionare correttamente deve riconoscere i limiti della zona. Per far questo esistono due metodi. Il primo necessita del posizionamento di un cavo perimetrale (superficiale o interrato) e di un ulteriore cavo guida per indicare al robot la via del ritorno quando si trova lontano dalla base di ricarica. Questo sistema è quello maggiormente utilizzato con modelli adatti per piccole e medie estensioni. L’utente dovrà preoccuparsi del posizionamento del cavo secondo le istruzioni presenti nel manuale del prodotto. Non è un’operazione complicata ma nel caso di difficoltà, è necessario chiamare un giardiniere che provvederà alla posa. Nei robot per vaste superfici invece si utilizza la più comoda tecnologia GPS per mappare la zona, delimitare i confini e stabilire i percorsi. I robot tecnologicamente più avanzati sono in grado di memorizzare una serie di dati in modo da ottimizzare di volta in volta qualità e tempistiche del taglio.

Tutti i modelli sono dotati di sensori di urto e sollevamento per evitare gli ostacoli e arrestare il motore in caso di forte impatto o sollevamento della scocca. I robot con funzionamento completamente completamente automatico ritorneranno alla base quando il livello di carica si abbasserà oltre un certo limite di sicurezza. Da notare che questa tecnologia è mutuata dai robot aspirapolvere che hanno fatto la loro comparsa sul mercato qualche anno prima.

Un’altra funzionalità da tenere in considerazione è il controllo da remoto. I modelli di fascia alta dispongono di relativa app per modificare le varie impostazioni, usando comodamente un dispositivo mobile. È una possibilità molto comoda soprattutto quando è necessario allontanarsi da casa per lunghi periodi.

Batteria

Come per i più tradizionali tosaerba a batteria, capacità della batteria e conseguente autonomia sono direttamente collegate all’estensione superficiale. Non si può stabilire un valore ottimale o consigliato. Quello che si deve valutare è, a parità di ampiezza gestibile, il valore espresso in Ah, che indica la capacità offerta dalla batteria. In linea di massima un buon modello deve avere una capacità minima di 2 Ah per poi salire fino valori attorno ai 7 Ah. In alcuni casi è prevista la possibilità di equipaggiare il robot con uno o più accumulatori supplementari per allungarne l’autonomia.

Capacità di taglio

Trattandosi di un dispositivo per tosare l’erba è necessario disporre di una buona qualità di taglio. I dati da tenere in considerazione sono l’ampiezza e l’altezza. Il primo valore dipende dalla grandezza del diametro delle lame che oscilla tra i 20 e 40 millimetri. Una lama più grande permette di tagliare maggior quantità d’erba, evitando al robot di fare più passate e riducendo i tempi di lavoro. Per quanto riguarda l’altezza, un valore minimo medio è 20 millimetri che può scendere fino a 14 millimetri scegliendo determinati modelli. L’altezza può essere regolata manualmente oppure in modo elettronico direttamente dal pannello di comando o dall’applicazione installata sullo smartphone. L’utente può selezionare diversi livelli intermedi di taglio fino ad un’altezza massima che può arrivare attorno ai 65 millimetri.