Recensione Saeco PicoBaristo SM5470/10

Recensione della macchina da caffè espresso automatica Saeco PicoBaristo SM5470/10, oltre alle mie opinioni sul prodotto trovi pro e contro, caratteristiche e comparazione prezzi.

Recensione Saeco PicoBaristo SM5470/10

Pro

  • Scomparto per il caffè pre-macinato
  • Serbatoio del latte integrato
  • Filtro anticalcare compreso nella fornitura
  • Programmazione intuitiva

Contro

  • Il risciacquo automatico non può essere disattivato
  • Filtro anticalcare da sostituire ogni 3 mesi
  • Non sempre le bevande al latte hanno la corretta temperatura

Saeco PicoBaristo SM5470/10 è una macchina da caffè espresso automatica dotata di una struttura piuttosto robusta e dimensioni di 22,1 x 34 x 43 centimetri. Misure che possiamo considerare standard per questa categoria e alla luce di un serbatoio dell’acqua da 1,8 litri, contenitore dei grani da 250 grammi con apposito scomparto per inserire una miscela pre-macinata e recipiente scarti di buona capienza.

I vari componenti e il pannello di controllo sono stati progettati per assicurare un’adeguata praticità d’uso e rendere la programmazione intuitiva. In tutto posso preparare 11 bevande, 6 delle quali utilizzando i tasti di scelta rapida inseriti nella console.

Mi basta premere il relativo pulsante per erogare un espresso oppure un cappuccino. In quest’ultimo caso non devo nemmeno armeggiare con la lancia a vapore, ma solo regolare l’altezza dell’infusore per inserire una tazza grande e lasciare che l’erogatore del latte con serbatoio integrato si occupi di tutto il resto.

Se desidero due tazzine devo premere il pulsante una seconda volta, inoltre posso regolare il grado di macinatura su 10 livelli, stabilire l’intensità dell’aroma, fissare la quantità della bevanda e memorizzare le impostazioni.

Per quanto riguarda la manutenzione, è richiesta la decalcificazione con frequenza variabile in base alla durezza dell’acqua. Il valore va impostato al primo avvio misurando il livello di calcare con il kit compreso nella fornitura.

Se decido di montare il filtro AcquaClean in dotazione riesco a preparare oltre 600 tazzine di caffè prima di effettuare un ciclo di pulizia. Sul display è presente una specifica spia luminosa a indicare quando è il momento di sostituire la cartuccia, comunque bisogna sempre cambiarla almeno ogni 3 mesi.

Questa macchina consente una pulizia accurata dovendo solo seguire le istruzioni. I componenti che necessitano di maggiore attenzione sono l’infusore e l’erogatore del latte. Per limitare gli interventi manuali vengono eseguiti frequenti cicli di lavaggio che, tuttavia, non posso gestire o disattivare andando a incidere sul consumo idrico.

Ho avuto qualche difficoltà durante lo smontaggio dell’erogatore del latte ma, fortunatamente, posso avviare un risciacquo rapido al temine di ogni preparazione ed effettuare la pulizia accurata solo una volta la settimana.

Saeco PicoBaristo SM5470/10 è, secondo la mia opinione, un prodotto in grado di soddisfare la maggior parte delle esigenze, offrendo i vantaggi di una semplice programmazione e una buona personalizzazione delle bevande.

Il caffè espresso, al netto della tipologia di chicchi o miscela pre-macinata impiegata, l’ho trovato di qualità simile a quella del bar. Non posso dire la stessa cosa per le preparazioni a base di latte che, a volte, hanno una temperatura troppo bassa. Per risolvere il problema suggerisco di erogare prima dell’acqua calda, così da riscaldare la caldaia ed evitare di bere un cappuccino tiepido.

Migliori macchine caffè automatiche