Recensione Smeg LM200

Recensione della macchina da caffè espresso a capsule Smeg LM200, oltre alle mie opinioni sul prodotto trovi pro e contro, caratteristiche e comparazione prezzi.

Recensione Smeg LM200

Pro

  • Design ricercato
  • Comoda rimozione del cassetto capsule usate e vaschetta raccogli-gocce
  • Pulizia molto semplice
  • Possibilità di scegliere la lunghezza del caffè
  • Funzione di memorizzazione della lunghezza

Contro

  • Prezzo alto

Smeg LM200 è una macchina per caffè espresso progettata per funzionare con capsule Lavazza Modo Mio sia originali che compatibili. Questo modello fa parte di una linea di prodotti caratterizzati dal design vintage che richiama apparecchi degli anni 50.

Infatti le linee molto morbide e arrotondate, il contrasto dei particolari cromati e il marchio riportato a caratteri cubitali sulla parte anteriore, fanno venire alla mente elettrodomestici di tempi ormai lontani. Le dimensioni sono abbastanza compatte anche se risultano leggermente superiori rispetto a modelli dotati di medesime caratteristiche tecniche.

La macchina non è solo curata esteticamente ma offre adeguate prestazioni per ottenere un espresso caldo e cremoso. L’impianto di riscaldamento è costituito da una caldaia in acciaio con sistema Thermoblock, il che consente il rapido innalzamento della temperatura sfruttando una resistenza elettrica da 1250 W. Anche il valore della potenza risulta in linea con prodotti concorrenti e permette all’apparecchio di essere pronto in una manciata di secondi.

Il funzionamento lo gestisco tramite gli unici due pulsanti dotati di indicatori luminosi. Posso avviare il riscaldamento premendo un tasto, scegliere l’erogazione di un caffè lungo o corto e memorizzare la lunghezza tenendo premuto un pulsante a scelta.

Non è stato previsto un interruttore generale per lo spegnimento, tuttavia la macchina si arresta automaticamente dopo 9 minuti di inattività. Il tasto per il caffè corto funge anche da avviso per la decalcificazione, iniziando a lampeggiare con luce di colore arancione fintantoché non effettuo il ciclo di pulizia.

La procedura è molto semplice dovendo riempire il serbatoio con acqua e un prodotto specifico, schiacciare entrambi i pulsanti quando la macchina è in stand-by, attendere il termine del riscaldamento (le luci smettono di lampeggiare) e iniziare la decalcificazione pigiando il tasto con luce arancione fissa.

A parte questa operazione di manutenzione ordinaria da eseguire periodicamente in base alla frequenza di utilizzo, per il resto mi basta un panno umido per pulire l’esterno e provvedere a svuotare il contenitore delle capsule usate e la vaschetta raccogli-gocce. Oltretutto i due componenti si rimuovono con estrema facilità.

Smeg LM200 ha dimostrato durate il test di riuscire a erogare rapidamente un espresso di buona qualità senza punti deboli degni di nota. Anche il funzionamento intuitivo e la facilità di pulizia sono due apprezzabili qualità, così come la possibilità di regolare e memorizzare la lunghezza del caffè.

Tuttavia rappresentano caratteristiche che possiamo trovare in molti prodotti concorrenti ma dal prezzo decisamente più conveniente. Infatti, secondo la mia opinione, l’unico limite di questa macchina da caffè espresso a capsule è il costo alto, diretta conseguenza del design originale.

Migliori macchine da caffè a capsule

 

Articolo di Andrea Pilotti

Sono un appassionato di tecnologia. Dal 2005 ad oggi ho recensito più di 3500 elettrodomestici. La mia missione è trovare i prodotti con il miglior rapporto qualità prezzo. Nel mio sito trovi classifiche, recensioni, consigli e news di elettrodomestici ed elettronica di consumo per la casa.